Si è concluso ieri a Bologna, dopo una complessa trattativa durata circa un anno e mezzo, l’iter che ha portato alla definizione del nuovo CCNL Dipendenti di Agenzia di Assicurazione. Il documento sarà depositato presso il Ministero del Lavoro e rappresenta di fatto il contratto di riferimento delle agenzie di assicurazione sottoscritto da Anapa Rete ImpresAgenzia (l’Associazione Nazionale degli Agenti Professionisti di Assicurazione), con il supporto di Confcommercio Imprese per l’Italia e dei sindacati.

L’accordo, che ha decorrenza dal 1° gennaio 2016 al 30 giugno 2020, introduce molti elementi innovativi, in linea con la trasformazione che sta subendo l’intero comparto assicurativo. In particolare le novità riguardano:

  • la flessibilità dell’orario lavorativo: è possibile svolgere per otto settimane l’anno l’attività professionale nelle giornate di sabato;
  • nuova modulazione degli scatti di anzianità per i nuovi assunti;
  • il passaggio da retribuzione annua a mensile;
  • aumenti stabiliti in tre tranche: dal 1° gennaio 2018, dal 1° gennaio 2019 e dal 1° giugno 2019;
  • il limite massimo delle ore di lavoro straordinario è fissato a 90 ore annue.

Rispetto al precedente contratto invece, non è più prevista più una somma per coprire il periodo arretrato in cui il contratto non è stato rinnovato.

Un’altra importante novità nell’ambito del CCNL delle assicurazioni riguarda l’accordo siglato con E.N.B.Ass., l’ente bilaterale del settore delle agenzie di assicurazione che vede la gestione paritetica delle Associazioni datoriali e delle OO.SS., il quale introduce importanti strumenti di welfare per i lavoratori. È prevista infatti una copertura LTC per dipendente e una copertura TCM, senza ricorrere ad un incremento del contributo a carico di aziende e lavoratori.

“Esprimiamo soddisfazione per la conclusione della trattativa – ha dichiarato Federico Serrao, componente della Giunta Esecutiva Nazionale di ANAPA e responsabile della commissione del rinnovo del CCNL delle assicurazioni – e siamo contenti che anche le sigle sindacali storiche hanno compreso le criticità del mercato e le attuali difficoltà finanziarie delle agenzie”.

linkedin
google
mail